ANALOGICO, DIGITALE E COPYRIGHT INTERVISTA A LEWIS BALTZ


Nel mio girovagare per i canali tematici della fotografia, mi sono imbattuto in questa intervista molto interessante fatta a Lewis Baltz.

Per chi non lo conoscesse, Lewis Baltz è stato uno dei più grandi fotografi definito “pioniere della fotografia moderna e concettuale”. Morto da poco (22 novembre del 2014) a Parigi, grandissimo fotografo di paesaggio, lo si ritrova spesso nel genere fotografico definito New Topographics.
Per saperne di più su questo fotografo che è stato molto vicino all’Italia (dove ha anche insegnato), si trova molto materiale in rete, ma credo che il riassunto di questo articolo memoriale de IL MANIFESTO scritto a seguito della sua scomparsa, sia abbastanza fedele.

L’intervista di cui parlo mi ha colpito molto perché tratta del rapporto tra analogico e digitale che ha il fotografo nell’era moderna e di quello che riguarda il copyright al tempo di internet.
Questa intervista è del 1998 e già si può delineare una apertura al mondo digitale molto forte, già da quando non era così invasivo come ai giorni nostri.

“Non ho mai avuto la fedeltà profonda all’idea di fotografia come mezzo, ma semplicemente come il modo più efficace di fare o di registrazione di un’immagine.”

“Soggetti e oggetti della nuova cultura tecnologica”, Napoli, 22 gennaio 1998

D.
Perché si preferisce la tecnologia digitale e quali sono i benefici che avete trovato a lavorare su foto digitali?

R.
Penso che risale alla mia relazione con le foto analogiche. Non ho mai avuto la fedeltà profonda all’idea di fotografia come mezzo, ma semplicemente come il modo più efficace di fare o di registrazione di un’immagine. E questo è cambiato nel corso degli ultimi anni. Ora il modo più efficace è quello di lavorare con digitale o con digitale-analogico o tra i due. Alla fine, sono sicuro che sarà interamente digitale. E ‘semplicemente la tecnologia prevalente, la tecnologia disponibile oggi. Penso che in futuro non avremo nemmeno una scelta.

D.
Una fotografia analogica sembra mantenere un forte legame con la vera cosa che rappresenta, come abbiamo il negativo.Così abbiamo un segno materiale del passaggio da una realtà alla sua rappresentazione in figura. Con le foto digitali non abbiamo alcun segno materiale, ma solo una linea di numeri, zero e uno. Quindi pensi che questo significa che sono sempre troppo lontano dalle cose reali che vediamo e che vogliamo prendere in un quadro?

R.
No. Penso che sia interessante il fatto che la messa in discussione della fotografia nel suo rapporto con la realtà, l’interrogatorio della rappresentazione, la famosa crisi della rappresentanza, davvero tutto è avvenuto prima che la tecnologia digitale. La tecnologia digitale, che si vede, non è il cattivo qui. Offre semplicemente un’altra dimensione. Non sono sicuro se si tratta di una rimozione più lontano dalla realtà che analogica. Penso che se si può parlare di realtà, se realtà e rappresentazione si può parlare di nella stessa frase, se la realtà ancora esiste più, digitale è semplicemente un altro modo di codificare quella realtà. Io non credo che sia più lontano da o, se è per questo, più vicino a questo concetto di realtà di tutto ciò che è venuto prima. Non credo che la questione della “materialità” è davvero ciò che è qui in discussione.La fotografia è meno materiale che la pittura; digitale è meno materiale. Ma la smaterializzazione dell’arte è ancora qualcosa che ha cominciato 30 anni fa come un gesto concettuale e molto prima che la gente si rese conto che non era solo una possibilità, ma sarebbe di fatto diventata la tecnologia dominante.

Baltz_001 (su ordinazione)

“Non credo che la questione della ‘materialità’ è proprio ciò che è qui in discussione. La fotografia è meno materiale che la pittura; digitale è meno materiale. “

D.
Ma in un certo senso le tecnologie digitali modificare la relazione tra il reale e il virtuale, perché abbiamo un vero e proprio mondo virtuale ora. Abbiamo realtà virtuale in cui possiamo avere un altro mondo diverso da quello reale …

R.
Penso che l’equilibrio è ribaltamento a favore del virtuale e lontano dal vero. Ma come ho detto prima, credo che quell’equilibrio aveva già iniziato a punta prima di tecnologie digitali. La loro presenza ora accelera quello. Non solo la presenza delle tecnologie ma la disponibilità delle tecnologie. Chiunque ora può lavorare con una sorta di procedimento digitale. Le persone sono su Internet, le persone lavorano con le fotocamere digitali. Quasi tutto ha ora questa possibilità, forse anche la necessità, di un qualche tipo di interfaccia digitale o di intervento. Quindi, in questo senso, il senso che prolifera, che è ovunque nella società, penso che sarà ancora staccare ulteriormente le persone da qualsiasi 19 ° secolo idea che avevano della realtà, del mondo fenomenico e la loro relazione con essa e in essa. Sia che il cambiamento è un miglioramento o stiamo entrando in un pericoloso mondo nuovo, è davvero impossibile dire. In ogni caso, è la realtà, è il mondo che stiamo entrando, è il mondo che siamo già a metà in.

Q.
Questo mondo è uno in cui spazio e tempo sono molto diversi.

A.
Questo secolo ci ha dato una serie di paradigmi dello spazio e del tempo che non erano noti prima. Fotografia appartenga effettivamente al 19 ° secolo. Ma c’è sicuramente l’idea di spazio fotografico che ha portato a termine nel cinema. Cinema strutturata volta in modo molto diverso rispetto a qualsiasi altro mezzo aveva mai concepito prima. Con il video si ha una doppia struttura. Avete che strutturazione del tempo nel cinema, ma anche di avere questa possibilità di zapping, cioè, il regista del film, non è assolutamente il determinante finale dell’ordine o la velocità in cui si vedono le immagini. Si può prendere qualsiasi casa film su cassetta e decostruire come si desidera. Il modello, penso, diventa più di un modello a campo aperto con il digitale, il CD-ROM in cui vi è un ordine di gioco. Ci può essere un ordine di gioco, ma ci può essere anche accesso casuale, in modo che sia strutturato e completato dall’utente. Questo è un diverso tipo di tempo; quello è un altro tipo di intervento. È un intervento fatto da un utente, nel loro tempo reale. E ‘vero con il lavoro anche su Internet.Ovviamente, stiamo allontanandosi dalla lineare in un paradigma campo aperto. Ma ancora una volta non è così nuovo, McLuhan ha scritto che nel 1963 Ora è stato riabilitato.; non era semplicemente uno show-off, ma era in realtà una sorta di visionario.

D.
Con Jean Nouvell avete considerato la costruzione di un edificio trasparente utilizzando scatole di luce. Potrebbe iniziare a darci una descrizione di questo progetto, spiegando il ruolo di fotografie in questo progetto?

A.
Jean Nouvell è uno dei due o tre architetti più interessanti oggi lavorano, sia in termini di pratica e soprattutto concettualmente. La sua visione di architettura è qualcosa di fluido. Jean è interessato a rendere gli edifici che rispondano a cambiare. Ora, architetti hanno sempre fatto edifici che hanno risposto a certi cambiamenti, il cambiamento di luce, per esempio. Ma Jean è interessato a qualcos’altro: un edificio che rispondere ai cambiamenti di temperatura, nel tempo, in uso. E ‘sempre stato affascinato dall’idea di integrare lo spazio architettonico con lo spazio dell’immagine, con segnaletica.Il progetto di costruzione che stiamo discutendo ora ha una somiglianza con alcuni dei suoi progetti, che è la questione della trasparenza. Jean vuole che i suoi edifici siano trasparenti, di essere costantemente mutevole anche per uso umano.Non è fisicamente possibile costruire un edificio assolutamente trasparente. Fisicamente, in termini ingegneristici, deve essere ancorata con certi materiali che sono opachi. Per giocare con quella un po ‘, Jean ha proposto di fare colonne di immagini, e poi abbiamo iniziato a parlare di ciò che tipo di immagini esse sarebbero, come queste colonne sarebbero strutturate, se sarebbero autonomamente auto-illuminato, o se avrebbero rispondere alla luce nell’edificio, che tipo di soggetti sarebbe interessante introdurre in questo particolare edificio. Io non credo di voler parlare troppo di più su questo, perché il progetto di costruzione è ancora a un punto di discussione e che non è ancora veramente capito come una proposta formale.

Lewis_Baltz_Ideal_1976_Serie_The_Prototype_Works.jpg-1f239b40533fb295 (su ordinazione)

“Quindi penso che la battaglia legale più coinvolgente dei prossimi venti o trenta anni sarà solo per vedere dove questi diritti di proprietà e della fine.”

D.
Pensa che questo è solo un modo per ottenere un segno materiale di questa città invisibile che le connessioni digitali stanno creando?

R.
Io davvero non lo so. Forse si potrebbe parlare di come, al contrario, dalla città invisibile, dalla città invisibile di Calvino a città sovraesposta di Virilio. La tecnologia digitale può rendere possibile, almeno teoricamente possibile, per tutti di essere ovunque in ogni momento. Ciò realmente viene eseguito in un contatore modo per il detto postmodernismo della scomparsa del soggetto. Si potrebbe dire che diventa la molteplicità del soggetto. Il soggetto non è più uno. Il soggetto è di due o quattro o molti o miliardi.

D.
In questo modo, la fotografia diventa una parte interna di architettura …

R.
Per lavorare in modo integrato con l’architettura, penso che il lavoro che stiamo parlando qui non è una questione di mettere il mio lavoro nel suo palazzo, ma una questione di utilizzo che la costruzione e le attività in quel palazzo come un modo di generare un dialogo in immagini. Il lavoro non è nemmeno site-specific, è davvero site-generated. E ‘qualcosa che è fatto esclusivamente per quello spazio e lo spazio con la sua attuale serie di funzioni. In questo senso diventa come la maggior parte delle opere oggi effimera. Non è un lavoro senza tempo. Non è un lavoro che può essere portato via dalla sua posizione e ammirato esteticamente. E ‘qualcosa che è destinato a funzionare speriamo molto, molto efficace nel suo spazio e non altrove.

“Ci sono bambini di tutto il mondo che sembrano avere una certa capacità innata di gestire le informazioni sullo schermo, di manipolare simboli digitali, sentirsi a proprio agio con questo come se avessero bevuto col latte della madre. È quasi la loro seconda natura. E forse un nuovo tipo di essere umano si sta evolvendo di fronte a noi e non siamo sicuri di come il nome che ancora “.

D.
Tu sei un fotografo, sei uno scrittore, fai CD-ROM, così si è veramente vicino alla cultura multimediale. Pensi che lavorare in una dimensione multimediale è una importante trasformazione dell’artista in generale?

R.
Recentemente mi è stato chiesto di essere uno dei tanti consulenti per una Biennale che sarà a Parigi il prossimo anno, alle prese con il lavoro di giovani che lavorano con le immagini. E quello che ho trovato era che con gli artisti più giovani, le persone sotto i 35 anni, non si sta per essere definiti dal supporto. Nessuno avrebbe parlare di se stessi come un “artista del computer”, come un “artista video”, come un “fotografo”, come un “regista”. Essi semplicemente prendono per scontato che tutti questi mezzi sono disponibili e hanno le loro qualità particolari. Si muovono molto garbo da uno all’altro. Così ancora una volta penso che domanda di mezzo è qualcosa che sembra essere una specie di misericordiosamente scomparire ora. Io non credo che nessuno in realtà si identifica dal mezzo, tranne forse i pittori-che mi odieranno per averlo detto.

D.
Cosa pensa dell’importanza della formazione dei giovani nelle capacità di lavorare con mezzi diversi?

R.
Spero che non suona come troppo facile una risposta, ma penso che siano la formazione stessi. E poi ci stanno formazione.Qualche anno fa ero in California, a Los Angeles, rimanendo con alcuni amici che avevano un bambino di sette anni. Stava dicendo addio alla sua amica e lei ha detto, ok, ci vediamo più tardi. Ti si e-mail stasera. Questa è una specie di sorprendente. Le persone oltre trenta hanno generalmente essere insegnato a fare queste cose. Sembra che ci sia un’altra generazione che è derivanti; che è quasi diventato una mutazione genetica. Ci sono bambini di tutto il mondo che sembrano avere una certa capacità innata di gestire le informazioni sullo schermo, di manipolare simboli digitali, sentirsi a proprio agio con questo come se avessero bevuto col latte della madre. È quasi la loro seconda natura. E forse un nuovo tipo di essere umano si sta evolvendo di fronte a noi e non siamo sicuri di come lo chiama ancora.

D.
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate dei problemi legati al diritto d’autore e la manipolazione digitale in generale di un pezzo d’arte.

R.
Penso che sia un periodo stupefacente per questo. Penso che probabilmente se tu avessi un figlio e si voleva consigliarlo su una professione per entrare, direi che sia un avvocato diritto d’autore nell’era digitale, perché si tratta di qualcosa che tutti l’avvocato è in tutto il mondo stanno per beneficiare di tremendamente. Così da un lato si ha: pensate ad organizzazioni di Disney, Microsoft – che stanno cercando di ottenere i diritti esclusivi e copyright tutto sulla terra e la proprietà delle immagini in un modo non è mai esistita prima. Eppure, allo stesso tempo, c’è la possibilità di veramente tecnicamente duplicazione, la clonazione immagini più grandi che mai esistita prima. Quindi penso che la battaglia legale più coinvolgente dei prossimi venti o trenta anni sarà solo per vedere dove questi diritti di proprietà iniziano e finiscono.Suppongo che una volta qualcosa va su Internet, una volta che qualcosa viene pubblicato come CD-ROM , che è di tutti.

——————————–

L’intervista è stata tradotta “decentemente” tramite google transistor, ma è possibile leggerla in lingua originale QUI.

Ringrazio AMERICANSUBURBX per il bellissimo confronto e per i contenuti validi, difficili da trovare oggi in un mondo dove chiunque scrive di fotografia.

2 comments

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...