GETTY, GOOGLE E LE FOTO RUBATE


Certo, il tema è abbastanza caldo e anche trito e ritrito.
Anch’io ne ho già parlato in QUESTO articolo, dando indicazioni di massima su come diminuire il rischio. Certo, non si è mai totalmente al sicuro, tranne se si evita di veicolare i propri contenuti in rete.

Quindi perché parlarne ancora?

Semplicemente perché Google e Getty Images, l’altro ieri hanno reso noto che stanno lavorando insieme per ridurre al massimo i rischi di sottrazione d’immagini dalla rete, cercando di tutelare il più possibile il diritto d’autore dei fotografi.

Certo, colossi del genere potrebbero fare tanto per ridurre al minimo i rischi, ma hanno anche una mole di movimento molto elefantiaca, quindi dobbiamo dargli il tempo utile per poter trovare soluzioni e metterle in preatica.

“Questo accordo tra Getty Images e Google pone le basi per un rapporto di collaborazione molto produttivo tra le nostre aziende. Concediamo in licenza i nostri contenuti leader di mercato a Google, lavorando a stretto contatto con loro per migliorare l’attribuzione del lavoro dei nostri contributori e quindi aumentare l’ecosistema.
Con questo importante traguardo, possiamo andare avanti con un partner forte per offrire modi innovativi per accedere a contenuti editoriali e creativi online. Inoltre, avanza la nostra missione di spostare il mondo con le immagini. “.
[Dawn Airey – CEO di Getty Images]

“Siamo entusiasti di aver firmato questo accordo di licenza con Getty Images e utilizzeremo le loro immagini su molti dei nostri prodotti e servizi, a partire da subito”
[Cathy Edwards – Engineering Director di Google]

La scintilla che ha accesso la collaborazione tra i due colossi nasce nel 2016. Precisamente quando ad Aprile 2016 Getty Images aveva minacciato di fare une sposto nei confronti della legge sulla concorrenza contro Google in Commissione Europea.
Da li poi una serie di incontri, scambi e valutazioni che hanno santico l’unione dei due.

“Getty Images rappresenta oltre 200.000 fotoreporter, creatori di contenuti e artisti di tutto il mondo che si affidano a noi per proteggere la loro capacità di essere compensati per il loro lavoro. Il comportamento di Google sta influenzando negativamente non solo i nostri contributori, ma le vite e i mezzi di sussistenza degli artisti intorno alla parola: presente e futuro. Ostacolando l’immagine di un mercato giusto per le immagini, Google sta minacciando l’innovazione e mettendo a repentaglio la capacità degli artisti di finanziare la creazione di importanti opere future. Gli artisti hanno bisogno di guadagnarsi da vivere per sostenere la creatività e il licensing è fondamentale per questo; tuttavia, questo non può accadere se Google sta distruggendo il traffico e creando un ambiente in cui può rivendicare i profitti delle creazioni individuali come se fossero le sue. ”
Yoko Miyashita – General Counsel di Getty Images]

Da questo ne può nascere solo qualcosa di buono per i fotografi e per gli utenti finali.
Stiamo andando verso la tutela di ciò che viene prodotto!
Ora non ci resta chge aspettare e vedere gli sviluppi di questo accordo a cosa effettivamente porteranno pratricamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...